ABBIAMO IN TESTA UN BELLISSIMO SOGNO MA SAPPIAMO CHE SARA’ DURISSIMA PARLA MATTIA PAIOLA DEL PESCANTINASETTIMO

Due promozioni consecutive, non è un fatto casuale. Serve una seria programmazione e voglia di stupire, credendo in se stessi, anno dopo anno. E’ quello che fatto il PescantinaSettimo con in cabina di regia, oltre che alla dirigenza guidata dal presidente Lucio Alfuso, mister Gianni Canovo vincendo consecutivamente i campionati di Seconda e Prima categoria. Quest’anno guardando l’attuale classifica maturata dopo 22 gare del campionato di Promozione, i rossoblu di Lavarini e compagni sono primi in classifica con 43 punti, due in più della rivale allenata da mister Stefano Paese del Montorio. Più attardato il Cologna di mister Salvatore Di Paola orgoglioso delle 38 lunghezze conquistate.

<Chiaramente siamo molto contenti della nostra classifica, afferma il difensore classe 1984 Mattia Paiola del PescantinaSettimo, stiamo esprimendo un ottimo calcio con ragazzi di qualità e quantità. Ma le nostre rivali Montorio e Cologna ci tallonano da molto vicino, non lasciandoci troppa tregua>.

Come più volte affermato durante la presentazione della squadra dalla dirigenza l’obiettivo iniziale e concreto era quello di una tranquilla salvezza in Promozione.

Poi strada facendo rubando il titolo di una canzone del celebre cantante romano Claudio Baglioni, il cammino del Pescantina è cambiato guadagnando posizioni con il passare delle giornate verso il primo posto in graduatoria.

Paiola smorza i toni e predica modestia:<Voglio sottoliniare ribadisce Mattia, che siamo una neo promossa con un telaio di squadra ben saldo visto i diversi anni che noi giocatori più esperti giochiamo assieme, con innesti che arrivano ogni stagione e che entrano subito nella mentalità del nostro allenatore Canovo, del direttore sportivo Stefano Carigi, del direttivo e di noi giocatori. Ma stiamo attenti alle difficoltà che potremmo incontrare nelle prossime gare di campionato. Non voglio sentire assolutamente di parlare che possiamo vincere il campionato, questo per noi resta un sogno, ma sappiamo che sarà durissima>.

Di questi tempi, ahimè! Il CoronaVirus la sta facendo da padrone. Domenica prossima non si giocherà, e forse la successiva a porte chiuse. Staremo a vedere, ed aspettiamo trepidanti i prossimi comunicato della Figc del Veneto.

Paiola non vede l’ora che si torni a giocare.

<Per ora ci alleniamo e poi aspettiamo nuove dal presidente Ruzza, sottolinea. Certo che la salute viene sopra ogni altra cosa. Questo Virus è pericoloso, ma bisogna guardare avanti. Io non vedo l’ora di rimettermi la muta e scendere presto in campo>.