Siamo sicuri, che l’andata calcistica targata 2017-2018, il centrocampista classe 1984 Mattia Paiola, la porterà per sempre nel suo cuore. Arrivato con l’umiltà che lo contraddistingue quest’anno, fermamente voluto dalla società, guidata con maestria dal presidente Lucio Alfuso e da tutto il direttivo, assieme ai suoi compagni ha reso grande il PescantinaSettimo.
Con 4 turni d’anticipo la brigata guidata da mister Gianni Canovo ha vinto il girone A di seconda categoria, suonando una musica a tinte rock.
< E’ stata un annata fantastica, afferma Mattia con tranquillità. Non era facile. Il nostro raggruppamento era formato da squadre con le qualità da sicure protagoniste. Real Lugagnano, Pastrengo, Malcesine, Juventina Valpantena ed inserisco anche Cavaion e Gargagnago hanno lottato con noi per terminare al primo posto. Ma credo che la rosa messa in cantiere dal direttore sportivo Stefano Carigi era ben assortita e di quantità. Tutti hanno remato con le pagaie giuste ed hanno guadagnato terreno nel fiume agitato del campionato>.
I numeri hanno dato ragione al PescantinaSettimo. Ben 71 i punti conquistati quest’anno in 30 gare disputate.
21 le vittorie messe in cassaforte, 8 i pareggi ed una sola la sconfitta subita proprio all’ultima giornata sul terreno della Juventina Valpantena con un bruciante tre a uno.
Paiola e soci hanno dimostrato di praticare un buon calcio, basato sopratutto su un reparto offensivo invidiato da molti.
In primis la punta ex Croz Zai e Pastrengo classe 1992 Stefano Bonato che con 22 reti messe in porta, ha vinto la classifica cannonieri. I rivali Pesic con 21 goal e il trio delle meraviglie formato da Luciano in forza al sorprendente Malcesine del presidente Simeone Casella, Ronconi del Pastrengo e Tosi della Juventina Valpantena con 19 centri non hanno mai mollato il freno, accelerando a tutta birra.
.
Una carriera quella di Paiola consumata nel Sona Mazza che ha conquistato al termine di una gara lunghissima sul proprio terreno vinta ai rigori per 6 a 2 dopo i tempi supplementari , i ragazzi del lago di mister Fattori, nella gara di ritorno, la permanenza al suo primo anno in Eccellenza.
Mattia ha fatto tutta la trafila nel settore giovanile e poi ha giocato tanti campionati in prima squadra.
.
Intanto il PescantinaSettimo non si è certamente fermato. C’è da arrivare in fondo con la voglia di provare a vincere il titolo regionale di Seconda categoria. Il primo step è stato positivo. In casa domenica scorsa Bonetti e compagni hanno battuto l’Audace di mister Mattia Meneghetti per tre a uno. Con tutta probabilità, aspettiamo l’ufficialità della Figc di Marghera, la squadra del vice presidente Moreno Ronconi andrà a far visita domenica 20 maggio alle ore 16,30 del Montorio del presidente Lorenzo Peroni.
.

Roberto Pintore