Che fantastica storia la vita! Cantava in un suo famoso brano il romano de Roma, Antonello Venditti. Una bella storia, quella del PescantinaSettimo che continua con entusiasmo la sua positiva stagione, sia in campionato che in Coppa. Una compagine quella del brillante mister Gianni Canovo ambiziosa ed umile come il suo tecnico. Tra i più conosciuti per saggezza tattica e duro lavoro svolto in settimana nel pianeta-dilettanti. La dirigenza dopo un’attenta analisi ha vagliato vari allenatori. Ma Canovo rispondeva ai canoni chiesti dalla società. Temperamento, lanciare i giovani e dare consistenza all’intero impianto di gioco. Essere primi in classifica dopo nove turni di campionato fa senza dubbio piacere. Ma il raggiungimento di tale posizione è frutto di una crescita costante settimana dopo settimana. I meriti vanno a tutti. Al settore giovanile che vanta più di 300 iscritti appassionati di imparare a giocare al calcio, affinando grazie a tecnici quotati, le proprie doti durante le partite con buone prestazioni. Ad una dirigenza solida, seria, unita e compatta che non spende parole a iosa, ma da quello che promette, senza fare voli pindarici e mantenendo la giusta linea tra obiettivi prefissati e valorizzare il mondo giovanile e prima squadra con ragazzi che hanno le idee chiare e credono nei valori del PescantinaSettimo senza risparmiarsi.
Ad un gruppo di giocatori dove nessuno è la prima donna, ma atleti che vogliono provare a fare bene portando indosso una maglia che piace a tantissimi. Lo spogliatoio è sovrano. Tutti per uno, uno per tutti. Da un direttore sportivo Stefano Carigi che conosceva bene l’ambiente Pescantina, suo padre per molti anni ha gestito in maniera perfetta il rettangolo verde. Che si è guardato attorno e d’accordo con la società ha costruito un ottimo squadra ben rodata ed amalgamata in ogni reparto. Allo staff tecnico alle fisioterapiste al magazziniere Andrea e a chiunque vuole bene il PescantinaSettimo. Si sa la strada per salire in vetta è ancora durissima. Bisognerà sudare e sfruttare nuove energie. Il PescantinaSettimo non lo nasconde, ma sognare non fa mai male. Sarà il verdetto del campo a dire la sua, in maniera finale, a fine campionato si intende amici sportivi.
La serata vinta ieri superando il turno di Coppa ne è la riprova. Il PescantinaSettimo ha superato lo scoglio dei sedicesimi di finale con merito. Mettendo sul piatto un primo tempo ben giocato e finalizzato da due sonore bordate delle punte carismatiche Bonato e Bonetti. Poi il Cavaion è riuscito ad accorciare le distanze con Turrina a metà ripresa. Ma alla fine non c’è stata più storia.
In attesa della disputa degli ottavi di finale il PescantinaSettimo dovrà vedersela contro l’Audace di mister Meneghetti, campo da sorteggiare. Il conto alla rovescia è già partito.
Ora si va avanti ad oltranza, praticando un calcio intenso, come sono gli allenamenti che si svolgono in settimana.
Domenica prossima si torna in trasferta dalle parti del lago, contro il neo promosso Cola Villa Cedri. Una gara da prendere con le pinze, mai abbassando la guardia.
Ma ecco le gare in programma per la decima giornata di campionato con inizio alle ore 14.30:
Sant’Anna D’Alfaedo-Juventina Valpantena
BureCorrubbio-Pastrengo
Colà Villa Cedri-PescantinaSettimo
Gargagnago-Cavaion
Lessinia-Valdadige
Malcesine-Corbiolo
Real Lugagnano-Lazise
San Marco-Consolini Albarè
In classifica Il PescantinaSettimo guida con 19 punti, dietro rispettivamente Lazise 18, Real Lugagnano 17, Sant’Anna D’Alfaedo 16, Juventina Valpantena-Cavaion e Pastrengo, BureCorrubbio 14, Malcesine 11, Consolini 10, Colà Villa Cedri 9, Gargagnago e Lessinia 8, Valdadige 7, Corbiolo 6 e San Marco 2.
Una cosa è certa grazie all’apporto di tutti, il PescantinaSettimo veleggia con il vento a favore, con umiltà e costanza si va velocissimi.